Giornata di riflessione sulla scuola e le riforme

Mercoledì 22 febbraio 2017

Ore 13.45 – 18.30

Aula Magna, SM Camignolo

La scuola ticinese sta vivendo una fase particolarmente ricca di novità: l’importante ricambio generazionale che nel giro di un decennio ha rinnovato in profondità la composizione del corpo docenti è accompagnato da una sempre più evidente spinta politica tesa alla revisione delle strutture e delle pratiche pedagogico-didattiche. Si tratta di una dinamica che si è andata accelerando in questi ultimi tempi, con particolare riferimento ai cruciali settori delle scuole comunali e della scuola media: nel giro di un paio di anni le autorità dipartimentali hanno infatti introdotto, sotto la spinta del concordato intercantonale HarmoS, un nuovo Piano di studio valido per l’intero ciclo della scolarità obbligatoria e deciso, nel contempo, di proporre una riforma del sistema scolastico, il progetto denominato “La scuola che verrà”, paragonabile per dimensioni e impatto solo alla scelta fatta quarant’anni fa con l’introduzione della scuola media unica.

Tutto ciò avviene mentre si moltiplicano i segnali che indicano il persistere di un disagio che percorre il mondo della scuola, dovuto all’ormai cronica tendenza a contenere gli investimenti nell’istruzione, a peggiorare le condizioni salariali e di lavoro di chi opera nel settore e, non da ultimo, alla crisi del rapporto scuola-società e alla conseguente perdita di una riconosciuta identità professionale da parte degli insegnanti.

In questo quadro, di non facile lettura, ci pare fondamentale moltiplicare – parallelamente ai momenti durante i quali il DECS si propone di spiegare le proprie ragioni e di dialogare con i docenti – le occasioni in cui questi ultimi possano confrontarsi con chiavi di lettura diverse e possano nel contempo scambiarsi tra loro sguardi e impressioni su quanto sta accadendo.

Con questa intenzione, abbiamo deciso di organizzare questo pomeriggio di riflessione e dibattito, rivolto agli insegnanti di ogni ordine e grado.

 

 

PROGRAMMA

PRIMA PARTE

13.45 – 14.00: INTRODUZIONE AL POMERIGGIO

14.00 – 14.45: RELAZIONE DI LINA BERTOLA

IL TEATRO DELLE RIFORME: PROTAGONISTI E COMPARSE

 14.45 – 15.30: RELAZIONE DI GIROLAMO DE MICHELE

LA SCUOLA È DI TUTTI: RIPENSARLA, COSTRUIRLA, DIFENDERLA

15.30 – 16.00: DIBATTITO

 

SECONDA PARTE

16.30 – 17.00: INTERVENTO INTRODUTTIVO

TEMI E BISOGNI ESPRESSI DAI COLLEGI DOCENTI  IN OCCASIONE DELLA CONSULTAZIONE SUL PROGETTO “LA SCUOLA CHE VERRÀ”

 17.00 – 18.30: DIBATTITO

 

DALLE 18.30: APERITIVO-BUFFET SIRIANO

 

Gli ospiti:

Lina Bertola

Collaboratrice scientifica del Laboratorio di Epistemologia dell’Università di Ginevra, è stata docente di filosofia al liceo di Lugano 1 e di etica all’Istituto Universitario Federale per la Formazione Professionale. Su temi di filosofia dell’educazione, di recente pubblicazione “Parole della vita. Per un’educazione all’etica”, Erickson, 2014.

Girolamo De Michele

Vive a Ferrara e insegna filosofia al liceo. Redattore di “Carmilla”, e-magazine diretto da Valerio Evangelisti, scrive di filosofia, di storia, di critica letteraria; per Einaudi Stile libero ha anche pubblicato tre romanzi. Si è occupato di problemi della scuola italiana in “La scuola è di tutti. Ripensarla, costruirla, difenderla”, Minimum fax, 2010.

 

Organizza:

FORUM DELLE ASSOCIAZIONI DEGLI INSEGNANTI E DELLA SCUOLA

Associazione dei docenti delle scuole medie superiori, Associazione La Scuola, Associazione per la scuola pubblica del Cantone e dei Comuni, Associazione ticinese degli insegnanti di storia, Commissione di matematica della Svizzera Italiana, Federazione docenti ticinesi, Movimento della scuola, OCST docenti, Società ticinese docenti educazione fisica, Verifiche (rivista), VPOD docenti

 

Per partecipare all’iniziativa è necessario iscriversi inviando un messaggio a [email protected] entro il 17 febbraio 2017, indicando nome, cognome, sede di servizio e specificando se si intende partecipare all’aperitivo-buffet siriano (costo per persona: 20 franchi).